Blog di

di Lorenzo Dilena

Crac Di Mario, commissariata Banca Tercas (ovvero Bankitalia va ancora al traino dei pm)

Blog post del 4/05/2012

l crac immobiliari fanno male, e le banche cercano di evitarli come la peste. Prova ne è la determinazione che Unicredit e altre banche stanno mettendo per evitare il fallimento delle società Imco e Sinergia dei Ligresti. O l’impegno che ci ha messo Intesa Sanpaolo per salvare dal fallimento la società Risanamento (ex gruppo Zunino). 

Il connubio con gli immobiliaristi, comunque, continua a fare danni alle banche. Segno che negli ultimi dieci anni si è davvero esagerato. L’ultima tegola si è abbattuta sull’ex Cassa di risparmio di Teramo, oggi Banca Tercas, appena commissariata dal Tesoro, su proposta della Banca d’Italia.

L’istituto è stato sottoposto ad amministrazione straordinaria «per gravi irregolarità e violazioni normative, ai sensi del Testo Unico Bancario». Stando al comunicato diffuso dal commissario Riccardo Sora (che ha ricoperto analogo incarico nel commissariamento della riminese Banca Carim), «la proposta è stata formulata a seguito delle risultanze di accertamenti ispettivi di vigilanza disposti anche a seguito del coinvolgimento di Tercas in un procedimento penale della Procura di Roma, relativo al fallimento di un gruppo immobiliare». Trattasi della Di.Ma Costruzioni, il gruppo dell’immobiliarista romano Raffaele Di Mario, che a quanto pare avrebbe creato un buco da circa 800 milioni. Dagli accertamenti di Bankitalia sono emersi «l’inadeguatezza degli assetti di governance e dei controlli interni nonché gravi irregolarità operative». Banca Tercas è esposta per circa 23 milioni, e pochi giorni fa aveva annunciato un aumento di capitale di 60 milioni. 

Vale la pena di notare che ancora una volta la Banca d’Italia, che pure avrebbe tutti gli strumenti per vigilare, si muove al traino di un’indagine penale. Anche stavolta, infatti, gli “accertamenti” sono stati condotti «nella più ampia collaborazione istituzionale con la Procura di Roma». Come è accaduto anche con i casi Delta e Banca Carim. Una formula elegante per dire: siamo intervenuti perché ci hanno chiamato i pm.

P.S. «La clientela può quindi continuare a rivolgersi agli sportelli della banca, che prosegue regolarmente la propria attività».

COMMENTI /

Ritratto di Golem
Dom, 06/05/2012 - 16:35
Golem
al traino dei pm ? in questo Paese gli unici con un po' di attributi sono loro. Ci saranno anche i cattivi pm, ma piuttosto dell'inerzia di questi incapaci corrotti e collusi che abbiamo in Parlamento, nelle Authority...
SHARE
Ritratto di p. macho
Dom, 06/05/2012 - 17:11
p. macho
sicuri che tutto sia accaduto per soli 23/ milioni a Di Mario ? ( cliente già da tempo ben conosciuto dall' ex D.G. dimissionato Di Matteo )......................Vi serve un'auto ? Bè .. le Audi sono ok , il Gruppo Paglione (sempre Abruzzo )poi fà buoni prezzi................................................................................
SHARE
Ritratto di averroè
Mer, 09/05/2012 - 12:17
averroè
ma il vice presidente TERCAS e amministratore delegato CARIPE, tal RUSSO, non era stato il direttore della Banca d'Italia a Teramo ? e i presidenti di TERCAS (Nisii) e CARIPE (Marconi) non sono i più grandi avvocati penalisti d'abruzzo ?
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 13/05/2012 - 08:45
Anonimo
si sente che i correntisti nonché risparmiatori stanno cominciando a chiudere i conti x cambiare aria... È vero? Dovrei farlo pure io?
SHARE
Ritratto di Anonimo
Lun, 18/06/2012 - 14:41
Sono correntista della Banca Tercas, ci sono dei rischi per il mio capitale? Mi consigliate la chiusura del conto corrente?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Cisl, Bonanni lascia la segreteria. In pole position Annamaria Furlan

Il segretario vuole accelerare il percorso di uscita: la scadenza del mandato era per il 2015 a 66 anni

Art.18, Sacconi: "Secco no alle proposte della minoranza Pd"

"Gli emendamenti presentati dalla minoranza del Pd sono irricevibili per chi voglia riformare il mercato del lavoro"

11 settembre, condannato all’ergastolo il genero e portavoce di Bin Laden

Lo ha deciso un giudice di New York. Abu Ghaith era stato arrestato a marzo per aver partecipato all’attentato del 2001

L’arte di ricoprire i nudi rubati dagli hacker

Il sito "The UNfappening" risponde, in modo creativo, al leak di immagini private e piccanti di vip
SHARE

Una mappa per viaggiare bevendo acqua sicura

Continente per continente, l’infografica mostra dove l’acqua di rubinetto non è un pericolo
SHARE

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché la politica di Facebook sui “nomi veri” degli utenti dovrebbe spaventarci

Chi si iscrive deve fornire il proprio nome legale. Il problema con gli pseudonimi, anche con quelli noti, è dietro l’angolo

Come la pirateria sta cambiando (in meglio) il panorama musicale

La lotta dell’industria discografica si è rivelata inutile. Eppure la musica continua a creare guadagni legali: è solo cambiato il modello di fruizione

Il peccato originale dell’Europa: la politica dell’asilo per i rifugiati

Un compromesso confuso che crea molti problemi, soprattutto per i Paesi ai confini. Ma non si trovano soluzioni migliori