Umami

Blog di

di Fabio Molinari

L'Italia dei comuni riuniti dalla De.Co.

Blog post del 27/02/2012

Spesso la politica viaggia a una velocità diversa da quella dei piccoli comuni. Ancor più spesso Roma è distante dalle campagne almeno quanto Bruxelles. L'Italia, che è già il Paese con più denominazioni in Europa (forse anche troppe), ha però al suo interno altre migliaia di piccole storie da raccontare, piatti legati a un santo patrono o a un fatto storico, prodotti di cui s'è persa l'origine nel tempo, dettati spesso dalla fame combinata all'estro. Domenica 4 marzo a Vignale Monferrato, durante la kermesse di Golosaria (www.golosaria.it), trenta di queste storie si ritroveranno nella Piazza De.Co., una manifestazione volta proprio a riunire, come in un libro, le denominazioni comunali italiane. Ora, per capire di cosa si tratta, bisogna proprio ripartire da questi due termini: denominazioni comunali. Che nulla hanno a che vedere con le denominazioni vere e proprie: queste hanno rigidi disciplinari, organi di controllo, promettono tutele e fanno capo all'Unione Europea. Le De.Co. (questo l'acronimo scelto) sono invece un semplice censimento voluto e perseguito all'interno di un comune. Non sono marchi, non possono tutelare né diventare garanzie su un mercato internazionale. Hanno, però, un ruolo unico nel mantenere la memoria, fissandola dentro una delibera dopo una ricerca storica attuata dal Comune all'interno dell'oggetto della sua giurisdizione: la comunità. Proprio per questo possono riguardare sia prodotti alimentari sia manufatti artigianali, ma anche momenti del folklore, quasi rituali in cui una comunità si riconosce. Ecco perché in questo universo possono trovare posto le antiche danze saracene tramandate da generazioni a Bagnasco, in provincia di Cuneo, oppure l'arte di costruire coltelli del borgo di Luras in Sardegna, ma anche un'antica varietà di mais nel vicentino (comune di Marano per la precisione) o la secolare Fiera del Bue Grasso di Moncalvo, nell'astigiano.
Domenica a Vignale Monferrato, nella piazza panoramica da dove si domina la pianura fin quasi ad Alessandria, si parlerà anche di queste storia, ricordando il sogno di Gino Veronelli, inventore della denominazione comunale: un'Italia capace di farsi grande senza dimenticare la sua storia, fatta di geniali (e comunali) individualità. 
(Per maggiori informazioni sull'argomento: www.denominazionicomunali.it)

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Dl Irpef, attesa oggi firma Napolitano

testo è stato esaminato nel suo complesso

Obama a Tokyo: sostegno su isole Senkaku

Il presidente Usa ha ribadito il sostegno statunitense a Tokyo nella contesa territoriale sulle isole Senkaku

Apple, risultati superiori alle aspettative: utili per 10 miliardi nel trimestre

Ricavi per 45 miliardi di dollari. Annunciato un buy-back per 30 miliardi di dollari. Il titolo vola

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare