Blog di

di Fabio Molinari

L'Italia dei comuni riuniti dalla De.Co.

Blog post del 27/02/2012

Spesso la politica viaggia a una velocità diversa da quella dei piccoli comuni. Ancor più spesso Roma è distante dalle campagne almeno quanto Bruxelles. L'Italia, che è già il Paese con più denominazioni in Europa (forse anche troppe), ha però al suo interno altre migliaia di piccole storie da raccontare, piatti legati a un santo patrono o a un fatto storico, prodotti di cui s'è persa l'origine nel tempo, dettati spesso dalla fame combinata all'estro. Domenica 4 marzo a Vignale Monferrato, durante la kermesse di Golosaria (www.golosaria.it), trenta di queste storie si ritroveranno nella Piazza De.Co., una manifestazione volta proprio a riunire, come in un libro, le denominazioni comunali italiane. Ora, per capire di cosa si tratta, bisogna proprio ripartire da questi due termini: denominazioni comunali. Che nulla hanno a che vedere con le denominazioni vere e proprie: queste hanno rigidi disciplinari, organi di controllo, promettono tutele e fanno capo all'Unione Europea. Le De.Co. (questo l'acronimo scelto) sono invece un semplice censimento voluto e perseguito all'interno di un comune. Non sono marchi, non possono tutelare né diventare garanzie su un mercato internazionale. Hanno, però, un ruolo unico nel mantenere la memoria, fissandola dentro una delibera dopo una ricerca storica attuata dal Comune all'interno dell'oggetto della sua giurisdizione: la comunità. Proprio per questo possono riguardare sia prodotti alimentari sia manufatti artigianali, ma anche momenti del folklore, quasi rituali in cui una comunità si riconosce. Ecco perché in questo universo possono trovare posto le antiche danze saracene tramandate da generazioni a Bagnasco, in provincia di Cuneo, oppure l'arte di costruire coltelli del borgo di Luras in Sardegna, ma anche un'antica varietà di mais nel vicentino (comune di Marano per la precisione) o la secolare Fiera del Bue Grasso di Moncalvo, nell'astigiano.
Domenica a Vignale Monferrato, nella piazza panoramica da dove si domina la pianura fin quasi ad Alessandria, si parlerà anche di queste storia, ricordando il sogno di Gino Veronelli, inventore della denominazione comunale: un'Italia capace di farsi grande senza dimenticare la sua storia, fatta di geniali (e comunali) individualità. 
(Per maggiori informazioni sull'argomento: www.denominazionicomunali.it)

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Azzollini, il Senato vota contro gli arresti domiciliari

I "no" sono stati 189, i sì 96. Astenuti 17

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

I libri che la gente smarrisce sugli aerei

Letti al volo, e poi dimenticati. Il momento della discesa rischia di farli dimenticare sul sedile. Forse perché non sono davvero imperdibili

L’Isis produce una serie tv animata e prende in giro Obama

Nel primo episodio si assiste alla decapitazione del presidente Usa. Nel secondo lo si vede alle prese con gli account Twitter degli attivisti

Come funziona l’amore al tempo dei social network

Dichiarazioni d’amore, proposte di matrimonio, consegne di anelli: tutto finisce in rete, il cui giudizio è fondamentale

Antartide senza Dio: l’ultimo prete lascia la chiesa nella regione

La Cappella delle Nevi resterà senza curato. C’è un calo di religiosità, ma anche di scienziati. E soprattutto, un taglio nel budget

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»