Blog di

di Ron Marans

I Miss Rahm

Blog post del 16/09/2011

There was an interesting piece in HuffPo today, comparing the styles of Rahm Emanuel and the current White House chief of staff, Bill Daley. With the President on the ropes lately, Daley has been the subject of lots of criticism.

It made me say to myself, “Oh yeah, Rahm … That guy is great. I miss him.”

Jewish liberals like me got a little pushback from our conservative or heavily Zionist compatriots during the 2008 election for supporting Obama so vociferously. From about September through election day in November that year, I had a bumper sticker that said Barack Obama in Hebrew letters. Occasionally, people would stop me and tell me that Obama was going to be bad for Israel.

At the time, I would argue – at first, I would argue that Obama had no track record to support a statement like that … In fact, he’d only been on record as being pro-Israel. And then I’d say, “Come on with his main advisors being Rahm Emanuel, who is fluent in Hebrew and David Axelrod, a nice Jewish boy? I think he’s going to be okay.

And I do think he’s okay. In spite of the fact that the Jewish vote is being blamed a Republican replacing Anthony Weiner in his Congressional seat (that seat had belonged to our side since the 1920s), I think Obama will still win our demographic next year.

But maybe if Emanuel was on the job (he is currently serving as mayor of Chicago), perhaps the President would have been a little more nuanced when he called for Israel to return mostly to 1967 borders (even though this has been the American position for years).

We’re in a particularly tricky time for Israel right now, with the UN vote on Palestinian independence imminent and Turkey recalling its ambassador. For whatever reason, the President is seen as anti-Israel.

I just can’t help thinking that would be less so if Rahm was in the West Wing.

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Luxottica annuncia l’implementazione di una nuova governance

È durata due ore la riunione dei vertici del colosso degli occhiali: il manager saluta, al suo posto struttura con due ad e deleghe operative a Del Veccchio

Rasmussen: Nato pronta a difendere gli alleati da ogni attacco

"Svilupperemo una forza d’elitre che avrà una maggiore prontezza di reazione e che potrà schierarsi anche con un preavviso molto breve”

Onu: Iraq, più di mille uccisi in agosto

Il Consiglio per i diritti umani dell' Onu ha intanto valutato l'invio di una missione di emergenza nel Paese

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il reportage al tempo del marketing: il giornalismo di viaggio genera turismo

Sull’ascesa e il declino della narrativa di viaggio, che si è trasformata in narrativa di turismo: racconti nati per fare restyling e non informazione

La nuova macchina da soldi di Hollywood? Si chiama Youtube

Una volta le grandi aziende cinematografiche facevano causa al sito. Adesso, invece, ci scommettono sopra

Imparare una lingua? Significa imparare a recitare una nuova identità

Storia del difficile apprendimento del francese da parte di un madrelingua inglese: i progressi linguistici sono solo il segno dell'ingresso in un nuovo mondo