Blog di

di Alessandro Oliva

Blatter finalmente ne azzecca una: e la Fifa dice sì alla moviola in campo

Blog post del 6/07/2012

Giornata storica per il calcio mondiale. Di quelle da ricordare. Anche quel dinosauro di Sepp Blatter - uno che era arrivato anni fa a proporre di mettere delle porte più piccole accanto a quelle regolamentari per assegnare il 'mezzo gol' - alla fine ha ceduto. E oggi l'International Board della Fifa, il governo mondiale del pallone, non ha fatto altro che ratificare il diktat del presidentissimo: il calcio si avvarrà della tecnologia in campo.

Dopo anni di resistenze, in cui si era visto anche il no all'IPad in campo per gli allenatori, ora sul terreno di gioco ci saranno ben due sistemi che dovranno risolvere il problema del gol fantasma: l'Occhio di falco e il 'Goal Ref'. Il primo si usa già da anni nel tennis e sarà composto da sette telecamere che ricostruiranno in 3D l'esatta posizione del pallone nel momento in cui varca (o non varca) la linea di porta. Il risultato della proiezione verrà trasmesso ad un orologio al polso dell'arbitro.

Il Goal Ref, di produzione danese, trasmette sempre il proprio responso al direttore di gara tramite un orologio da polso, ma la tecnologia è diversa. Si basa su un campo magnetico creato da dieci antenne sistemate su pali e traverse. Quando il pallone entra nel campo magnetico, attarverso tre microchip installati nella sfera invia il segnale all'arbitro.

La sperimentazione dell' 'Hawkeye' è avvenuta nel corso del match tra Totton e Eastleigh, finale della Hampshire FA Cup, in programma il 16 maggio scorso allo stadio St Mary di Southampton. Il Goal Ref, è stato invece sperimentato in due partite del campionato di Danimarca, Silkeborg-Sonderjyske il 20 maggio e Nordsjaelland-Horsens il 23. Ora la sperimentazione vivrà una fase più avanzata: le due tipologie verranno usate durante il prossimo Mondiale per Club in dicembre, il torneo che sostituisce la vecchia e mitica Coppa Intercontinentale.

Altro che Hurst, Lampard, Muntari e compagnia bella. Da quest'anno e fino al 2014, la tecnologia in campo verà gradualmente utilizzata quindi per evitare errori clamorosi come quello a Euro 2012 durante Ucraina-Inghilterra, che costò buona parte della qualificazione ai padroni di casa. Il pasticciaccio fu combinato dal giudice di porta o 'quinto arbitro', tanto voluto dal presidente Uefa Michel Platini. Il quale, nonostante l'errore in eurovisione, ha continuato a difendere la sua idea, tanto da continuare a preferirla alla tecnologia. E Blatter, magnanimo, gli ha concesso il contentino: i giudici di porta saranno presenti in tutte le competizioni ufficiali. Non si sa quanto utilmente ma si sa, Blatter anche quando la fa giusta, deve fare di tutto per non azzeccarla al 100%.

P.s.: l'International Board ha anche detto sì all hijab in campo per le donne musulmane. Ma questo i lettori di Linkiesta lo sapevano già.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Vertice Ue, c'è l'accordo sul clima

riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

Ebola, primo caso a New York

Medico ricoverato positivo a virus, era tornato da Guinea

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti