Blog di

di Alessandro Oliva

Altro che lo stipendio di Ibra: il problema vero del Psg è un certo conflitto di interessi...

Blog post del 19/07/2012

 

Negli ultimi giorni, la tratta Italia-Francia è stata al centro di svariate attenzione. No, non si tratta della Tav, ma del viaggio (di sola andata) tra Milano e Parigi che Ibrahimovic e Thiago Silva hanno deciso di intraprendere. Tra mille polemiche, che però non centrano il vero problema che riguarda il Paris Saint Germain.

Ma andiamo con ordine. Se alla partenza del difensore brasiliano ci si era rassegnati, è l’acquisto di Ibra a far discutere. Non tanto perché lo svedese abbia cambiato casacca, ma per l’ingente stipendio che il machiavellico procuratore Mino Raiola è riuscito a fargli strappare: 14 milioni di euro all’anno. Orrore. Ci siamo dimenticati che in Italia gente come Sergio Cragnotti pagò Hernan Crespo 120 miliardi di lire al Parma: un mega bonifico dalla Cirio alla Parmalat, due società all’epoca specchiate come la fedina penale di Totò Riina. Ma vabbè, acqua passata. Ibra ha preteso tanti soldi, d’altronde il presidente Hollande vuole tassare i ricconi e lui vuole salvaguardare il salvadanaio. “Credo che l'ammontare della retribuzione di questo giocatore abbia scioccato molte persone e quindi mi sembra naturale che possa contribuire allo sforzo collettivo - ha detto, in una conferenza stampa a margine del Consiglio dei ministri, la Vallaud-Belkacem -. Non c'è motivo che gli sportivi siano esonerati dalla nuova aliquota eccezionale al 75% per i redditi superiori a 1 milione di euro". Fine della discussione.

Ibra ha fatto discutere anche per altro. Durante la sua presentazione, mentre dichiarava che “Un altro sogno si avvera” (vabbè…), spiegava anche che con l’uscita di scena sua e di Thiago Silva il calcio italiano ci perde molto. Vero, verissimo. Ma andatelo a dire a tutti quei dirigenti che hanno lasciato andare proprio al Psg uno come Verratti. O alla Roma, che sta dando via in comproprietà un sacco di ragazzi interessanti (e non in prestito). O all’Inter, che si è fatta sfuggire Destro. O Borini lasciato andare al Liverpool. E potremmo andare avanti per delle ore (ma anche no) solo per spiegare che in Italia non c’è la cultura dei giovani.

Ma questo è un discorso vecchio come il cucco e non verrà risolto a breve. Il vero problema è che il calciomercato (e il calcio dei prossimi anni) verrà dominato da una squadra come il Psg che fa quello che vuole in barba al Fair Play finanziario. Avete presente no? Si tratta di quella regola che Michel Platini ha imposto ai club per evitare loro la bancarotta: nel 2014, chi avrà superato i 45 milioni di debiti nelle ultime due stagioni verrà duramente sculacciato da Le Roi. Non si può spendere più di quanto si guadagna, cosa che la dirigenza qatariota guidata dallo schifosamente ricco sceicco Al Thani invece fa. Spendi e spandi, altro che Platini. Il quale, dal canto suo, non muove foglia. Sarà perché nella Qatar Sport Investment, società di Al Thani che controlla il Psg, lavora Laurent Platini, le fils. E allora, sull’aereo Milano-Parigi, oltre Ibra e Thiago c’era un terzo passeggero caro a Berlusconi: il conflitto di interessi.
 

COMMENTI /

Ritratto di Alessandro Oliva
Sab, 21/07/2012 - 13:05
Aoliva
<p>Anonimo, datti alla grammatica italiana.</p>
SHARE
Ritratto di Alessandro Oliva
Ven, 20/07/2012 - 23:31
Aoliva
<p>Eh s&igrave; Andrea, la proposta di Monti, solo un&#39;idea buttata l&igrave; in realt&agrave;, scandalizz&ograve; tutti. e invece...</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

L’autonoleggio Maggiore è stato comprato da Avis per 170 milioni di euro

La preoccupazione dei sindacati: «Continueremo a mobilitarci per la salvaguardia di tutti i 400 posti di lavoro»

Smemoranda

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol&amp;Maicol

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica