Blog di

di Alessandro Oliva

Il calcio si vende alle tv. Un mese di partite al freddo serale: meno spettatori, più infortuni

Blog post del 18/11/2011

Questo post l'ho scritto il 18 novembre 2011. Oggi, 1 febbraio 2012, è tornato d'attualità. Ieri sera erano in programma il turno di campionato di serie B e il match di serie A Parma-Juventus. Tutte partite da disputare di sera. I giorni della merla non hanno avuto pietà, mettendo allo scoperto uno dei più grossi problemi del pallone italiano. Vi ripropongo quanto scritto più di due mesi fa.

Stamattina sono uscito di casa. In un lampo, sono stato sciabolato dal freddo e inghiottito dalla nebbia. Lo stesso mi accadrà stasera, quando rientrerò. Signore e signori, benvenuti nel novembre milanese. Ma ai network che possiedono i diritti delle partite di Serie A, B e Coppa Italia il meteo non sembra importare molto. Anzi. Da oggi al 21 dicembre, ci attendono 34 giorni di partite di calcio consecutive. E in questo mese solare, saranno 36 le partite giocate alle 20.45.

Sono anni, ormai, che il calcio s’è venduto alle tv, infischiandosene degli spettatori negli stadi. Adesso, però, esagera. La frase, tagliente e (è il caso di dirlo) fredda come una lama, è di Roberto Condio sulla ‘Stampa’ di oggi. Che c’entrano le tv? C’entrano, c’entrano. Negli anni Ottanta, il presidente dellla Juventus Gianni Agnelli chiamava Zibì Boniek ‘Bello di notte’, perché giocava meglio nelle partite di coppa, che si giocavano (e giocano) la sera. I match fuopri dai confini nazionali vengono considerate di maggior fascino e da sempre si giocano all’ora di cena. Poi è arrivata la Premier League (la serie A inglese) con la sua idea di spostare la partita di campionato più affascinante di ogni turno alla sera anziché il pomeriggio. E via via, tutti i maggiori campionati europei si sono adattati, in nome dello spettacolo e dei soldi.

E così, tutto il calendario della Uefa si è allargato. La Champions League ha aumentato il proprio numero delle partite: più match da trasmettere, più sponsor, prezzi dei diritti tv più alti. Ma lo show-biz ha il proprio lato oscuro. Sul palco le luci, dietro le quinte il buio. Più partite uguale più infortuni. Più infortuni uguale rsoe delle squadre più allargate. Rose allargate uguale più soldi da spendere per le squadre. Che hanno bisogno dei diritti tv per vivere. Insomma, un gatto che si morde la coda, o un cul de sac, fate voi. È un calcio che fa venire i brividi, il nostro. Per intascare i salvifici assegni delle tv, ha accettato di giocare sempre più spesso sotto zero, scrive ancora Condio. Mica solo Sky: anche Mediaset e La 7 sono coinvolte, a suddividersi la ricca torta di Serie A, Serie B, Champions League e Coppa Italia. Costringendo a spettacolarizzare il pallone buttandolo al freddo. Esponendo i giocatori a maggiori infortuni. E rintanado gli spettatori in casa. Chi ha voglia di andare allo stadio a prendere freddo?

Benvenuta grande abbuffata invernale. Benvenuti infortuni. Benvenuti stadi vuoti. Addio calcio, ma pazienza.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Istat: a giugno 2015 produzione industriale diminuita dell’1,1%

Corretta per gli effetti di calendario, la diminuzione è dello 0,3%. Il calo maggiore nell’attività estrattiva

Eletto il Cda della Rai, ecco i nomi dei sette consiglieri

Guelfo Guelfi, Rita Borioni, Franco Siddi, Paolo Messa Carlo Freccero, Arturo Diaconale e Giancarlo Mazzuca.

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Temporali spettacolari, in time lapse

Li ha messi in fila un fotografo amatoriale americano, che nella vita fa il poliziotto e che si è preso due mesi di ferie per fotografare nuvole

I finti documentari di VICE, fatti da The Onion

Lo stile dei documentari di VICE ha avuto un grandissimo successo negli ultimi anni, e con il successo, si sa, arrivano le parodie e le prese in giro

Le 4 categorie del bevitore universitario

Una strampalata ricerca citata da Time fissa a 4 i comportamenti degli studenti americani dopo aver bevuto: la maggior parte reggono come Hemingway

Camminare sull'acqua? No, grazie, ci vado in moto

Ci è riuscito il motociclista australiano Robbie Maddison che si è tolto lo sfizio di sfrecciare sulle onde più belle del mondo, a Tahiti

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»