Blog di

di Alessandro Oliva

Il calcio si vende alle tv. Un mese di partite al freddo serale: meno spettatori, più infortuni

Blog post del 18/11/2011

Questo post l'ho scritto il 18 novembre 2011. Oggi, 1 febbraio 2012, è tornato d'attualità. Ieri sera erano in programma il turno di campionato di serie B e il match di serie A Parma-Juventus. Tutte partite da disputare di sera. I giorni della merla non hanno avuto pietà, mettendo allo scoperto uno dei più grossi problemi del pallone italiano. Vi ripropongo quanto scritto più di due mesi fa.

Stamattina sono uscito di casa. In un lampo, sono stato sciabolato dal freddo e inghiottito dalla nebbia. Lo stesso mi accadrà stasera, quando rientrerò. Signore e signori, benvenuti nel novembre milanese. Ma ai network che possiedono i diritti delle partite di Serie A, B e Coppa Italia il meteo non sembra importare molto. Anzi. Da oggi al 21 dicembre, ci attendono 34 giorni di partite di calcio consecutive. E in questo mese solare, saranno 36 le partite giocate alle 20.45.

Sono anni, ormai, che il calcio s’è venduto alle tv, infischiandosene degli spettatori negli stadi. Adesso, però, esagera. La frase, tagliente e (è il caso di dirlo) fredda come una lama, è di Roberto Condio sulla ‘Stampa’ di oggi. Che c’entrano le tv? C’entrano, c’entrano. Negli anni Ottanta, il presidente dellla Juventus Gianni Agnelli chiamava Zibì Boniek ‘Bello di notte’, perché giocava meglio nelle partite di coppa, che si giocavano (e giocano) la sera. I match fuopri dai confini nazionali vengono considerate di maggior fascino e da sempre si giocano all’ora di cena. Poi è arrivata la Premier League (la serie A inglese) con la sua idea di spostare la partita di campionato più affascinante di ogni turno alla sera anziché il pomeriggio. E via via, tutti i maggiori campionati europei si sono adattati, in nome dello spettacolo e dei soldi.

E così, tutto il calendario della Uefa si è allargato. La Champions League ha aumentato il proprio numero delle partite: più match da trasmettere, più sponsor, prezzi dei diritti tv più alti. Ma lo show-biz ha il proprio lato oscuro. Sul palco le luci, dietro le quinte il buio. Più partite uguale più infortuni. Più infortuni uguale rsoe delle squadre più allargate. Rose allargate uguale più soldi da spendere per le squadre. Che hanno bisogno dei diritti tv per vivere. Insomma, un gatto che si morde la coda, o un cul de sac, fate voi. È un calcio che fa venire i brividi, il nostro. Per intascare i salvifici assegni delle tv, ha accettato di giocare sempre più spesso sotto zero, scrive ancora Condio. Mica solo Sky: anche Mediaset e La 7 sono coinvolte, a suddividersi la ricca torta di Serie A, Serie B, Champions League e Coppa Italia. Costringendo a spettacolarizzare il pallone buttandolo al freddo. Esponendo i giocatori a maggiori infortuni. E rintanado gli spettatori in casa. Chi ha voglia di andare allo stadio a prendere freddo?

Benvenuta grande abbuffata invernale. Benvenuti infortuni. Benvenuti stadi vuoti. Addio calcio, ma pazienza.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

 

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

La felicità è solo una formula chimica

L’approccio può sembrare troppo arido, ma la verità è questa. Chi vive nei romanzi si rassegni
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

Altro che stelle: il miglior oroscopo è quello musicale

Quale canzone dominava la hit parade quando siete nati? Questo sito lo rivela e vi dice anche di più
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica