Blog di

di Alessandro Oliva

Il calcio si vende alle tv. Un mese di partite al freddo serale: meno spettatori, più infortuni

Blog post del 18/11/2011

Questo post l'ho scritto il 18 novembre 2011. Oggi, 1 febbraio 2012, è tornato d'attualità. Ieri sera erano in programma il turno di campionato di serie B e il match di serie A Parma-Juventus. Tutte partite da disputare di sera. I giorni della merla non hanno avuto pietà, mettendo allo scoperto uno dei più grossi problemi del pallone italiano. Vi ripropongo quanto scritto più di due mesi fa.

Stamattina sono uscito di casa. In un lampo, sono stato sciabolato dal freddo e inghiottito dalla nebbia. Lo stesso mi accadrà stasera, quando rientrerò. Signore e signori, benvenuti nel novembre milanese. Ma ai network che possiedono i diritti delle partite di Serie A, B e Coppa Italia il meteo non sembra importare molto. Anzi. Da oggi al 21 dicembre, ci attendono 34 giorni di partite di calcio consecutive. E in questo mese solare, saranno 36 le partite giocate alle 20.45.

Sono anni, ormai, che il calcio s’è venduto alle tv, infischiandosene degli spettatori negli stadi. Adesso, però, esagera. La frase, tagliente e (è il caso di dirlo) fredda come una lama, è di Roberto Condio sulla ‘Stampa’ di oggi. Che c’entrano le tv? C’entrano, c’entrano. Negli anni Ottanta, il presidente dellla Juventus Gianni Agnelli chiamava Zibì Boniek ‘Bello di notte’, perché giocava meglio nelle partite di coppa, che si giocavano (e giocano) la sera. I match fuopri dai confini nazionali vengono considerate di maggior fascino e da sempre si giocano all’ora di cena. Poi è arrivata la Premier League (la serie A inglese) con la sua idea di spostare la partita di campionato più affascinante di ogni turno alla sera anziché il pomeriggio. E via via, tutti i maggiori campionati europei si sono adattati, in nome dello spettacolo e dei soldi.

E così, tutto il calendario della Uefa si è allargato. La Champions League ha aumentato il proprio numero delle partite: più match da trasmettere, più sponsor, prezzi dei diritti tv più alti. Ma lo show-biz ha il proprio lato oscuro. Sul palco le luci, dietro le quinte il buio. Più partite uguale più infortuni. Più infortuni uguale rsoe delle squadre più allargate. Rose allargate uguale più soldi da spendere per le squadre. Che hanno bisogno dei diritti tv per vivere. Insomma, un gatto che si morde la coda, o un cul de sac, fate voi. È un calcio che fa venire i brividi, il nostro. Per intascare i salvifici assegni delle tv, ha accettato di giocare sempre più spesso sotto zero, scrive ancora Condio. Mica solo Sky: anche Mediaset e La 7 sono coinvolte, a suddividersi la ricca torta di Serie A, Serie B, Champions League e Coppa Italia. Costringendo a spettacolarizzare il pallone buttandolo al freddo. Esponendo i giocatori a maggiori infortuni. E rintanado gli spettatori in casa. Chi ha voglia di andare allo stadio a prendere freddo?

Benvenuta grande abbuffata invernale. Benvenuti infortuni. Benvenuti stadi vuoti. Addio calcio, ma pazienza.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Mattarella in Vaticano per visita al Papa

Il presidente è accompagnato dalla figlia Laura e da cinque nipoti

Afghanistan, duplice attentato a Jalalabad: 35 morti

Due esplosioni: la prima davanti a una moschea, la seconda davanti alla sede di una banca

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Negativi Maicol&Mirco, Smemoranda,

Gli Stati Uniti della Grande Austria, l’utopia della pace

Il progetto di ridisegnare l’impero asburgico avrebbe ridotto le tensioni. E cambiato la storia del ’900

Consigli scientifici per flirtare bene

Non bastano i giochi di sguardi e i sorrisi: serve expertise, intuito e adattabilità

Come sono diversi i funerali nel mondo

Ogni religione ha un rito e un modo per esprimere l’ultimo saluto. Un’infografica li racconta

Manifesto per una rivoluzione: tornare a scrivere a penna

L’uso del laptop, dimostra la scienza, non consente di memorizzare bene le cose che si scrivono

PRESI DAL WEB

L’Economist su Renzi: “I risultati sulle riforme variabili ma incoraggianti”

Secondo il settimanale “quando la prossima settimana incontrera Obama, la posizione economica e politica di Renzi sarà la più forte da quando è al governo”