Delirio in podcastSteve Bannon ha chiesto la decapitazione di Anthony Fauci e del capo dell’Fbi

L’ex capo della campagna elettorale di Trump ha proposto di tagliare la testa al noto epidemiologo e a Christopher Wray come «monito per i burocrati federali» durante una puntata della sua trasmissione “War Room: Pandemic”

Michal Cizek / AFP

L’ex capo della campagna elettorale di Trump nel 2016 Steve Bannon ha chiesto di decapitare il noto epidemiologo Anthony Fauci e il direttore dell’Fbi, Christopher Wray e appendere le loro teste davanti alla Casa Bianca come monito per i burocrati federali. Lo ha detto in una puntata del suo podcast “War Room: Pandemic”: «Mi piacerebbe tornare ai vecchi tempi dell’Inghilterra dei Tudor, metterei le teste sulle picche – riferendosi a Wray e Fauci -, ai due angoli della Casa Bianca come monito per i burocrati federali. O prendi il programma o te ne vai: è ora di smettere di giocare».

Il co-conduttore del podcast, Jack Maxey, ha poi assecondato la teoria di Bannon, definendo «traditori» Fauci e Wray, colpevoli, agli occhi dei seguaci di Trump, di non aver seguito pedissequamente le richieste del presidente. Le minacce shock di Bannon, libero su cauzione dopo aver pagato 5 milioni di dollari per l’accusa di appropriazione indebita, hanno portato alla sospensione pertenente del profilo twitter del podcast dell’ex chief strategist di Trump e alla censura di alcuni frame video da YouTube.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia