Addio paradiso fiscaleFacebook sta liquidando tre filiali in Irlanda per rinunciare al regime fiscale agevolato

Il colosso di Menlo Park sta chiudendo le holding nel Paese dove usufruiva di una tassazione meno pesante di quella negli Stati Uniti e negli altri Paesi dove ha sede. «Riteniamo che sia coerente con i cambiamenti recenti e imminenti della legislazione fiscale che i decisori politici stanno sostenendo in tutto il mondo» si legge in una nota della società

Pixabay

Facebook sta chiudendo tre holding in Irlanda, dove usufruiva di un regime fiscale agevolato che gli consentiva di evitare di pagare tasse più pesanti negli Stati Uniti e in vari altri Paesi. A confermarlo, tramite una nota ufficiale, è stato lo stesso colosso di Menlo Park. Stando a quanto riportato dal Times, questa decisione riflette «i recenti e imminenti cambiamenti della legislazione fiscale» che i governi stanno attuando in vari Stati.

Facebook è quindi pronta a dire addio al paradiso fiscale irlandese dove negli anni ha incanalato miliardi di profitti. Le società irlandesi sono state usate per detenere la proprietà intellettuale di Facebook per le vendite internazionali, e raccogliere così i pagamenti dalle altre società di Facebook in tutto il mondo. Nel 2018, l’ultimo anno per cui sono disponibili i dati, la principale filiale irlandese di Facebook avrebbe pagato 101 milioni dollari di tasse su profitti di 15 miliardi. A renderlo noto sono importanti testate britanniche come il Times e il Guardian.

La Facebook International Holdings I Unlimited Company avrebbe registrato un fatturato di 30 miliardi di dollari nel 2018, più della metà del fatturato globale complessivo del colosso di Menlo Park, che è stato pari a 56 miliardi di dollari. L’azienda ha deciso di chiudere le proprie divisioni irlandesi e di riportare la proprietà intellettuale negli Stati Uniti dopo essere stata citata dall’Internal Revenue Service, l’agenzia governativa Usa deputata alla riscossione dei tributi. Quest’ultima ha stabilito che Facebook deve versare più di 9 miliardi di dollari in tasse non pagate dopo aver trasferito i suoi profitti in Irlanda nel 2010.

«Le licenze di proprietà intellettuale relative alle nostre operazioni internazionali sono state rimpatriate negli Stati Uniti», ha dichiarato Facebook. «Tale cambiamento, che è entrato in vigore dal luglio di quest’anno, allinea al meglio la struttura aziendale con il Paese dove prevediamo di avere la maggior parte delle nostre attività e delle persone. Riteniamo che sia coerente con i cambiamenti recenti e imminenti della legislazione fiscale che i decisori politici stanno sostenendo in tutto il mondo» si legge ancora. A cominciare da quelli degli Stati Uniti. Nel corso dell’ultimo mese, infatti, Facebook è anche entrata nel mirino dell’antitrust statunitense a causa della presunta adozione di pratiche anticoncorrenziali.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia