Nuova luce I segreti della street photography e le potenzialità degli smartphone

Nove fotografi professionisti, due radiose città spagnole (Madrid e Valencia) e le lenti Leica della serie Xiaomi 14: il racconto di una masterclass capace di confermare che quel piccolo strumento che abbiamo in tasca può cogliere momenti irripetibili e regalare una rara immediatezza d’uso

Javier Corso (courtesy of Xiaomi)

See the world in a new light. Vedere il mondo sotto una nuova luce. E proprio sotto la luce del cielo di Madrid e poi di Valencia si è aperta, lo scorso 11 aprile, la nuova serie di Master Class Xiaomi che per l’occasione ha riunito nove fotografi da tutto il mondo per mostrare come – attraverso l’obiettivo con lenti Leica della serie Xiaomi 14 – si possa cogliere l’attimo fuggente. Quello che più ha colpito i partecipanti è stata l’immediatezza con cui poter entrare nel vivo della sessione.

Grazie a quello strumento che ognuno di noi può comodamente tenere in tasca, lo smartphone, la strada diventa la tela su cui dipingere una storia. Per immergersi nel mondo della fotografia e della narrazione visiva, guidati da fotografi professionisti come Maurice Pehle, Javier Corso, Rui Caria, Fabien Ecochard, Emanuele Di Mare, Vasilis Makris, Anto Magzan, Dominic Nahr e Matt Stuart, è bastato infatti accedere alla funzione “fotocamera” del proprio Xiaomi 14 Ultra e lasciarsi guidare dall’istinto (e da alcuni tips che i Master hanno messo a disposizione dei partecipanti) per carpire i segreti di un vero street shooting. 

«Io non esco mai senza macchina fotografica, e dico sempre a chi mi chiede un consiglio: scatta, cogli l’attimo. Perché a volte la foto è lì che ti aspetta, altre volte bisogna coglierla al volo, anche sotto il diluvio, correndo per strada, scattando d’istinto», spiega a Linkiesta Etc Matt Stuart, uno dei più influenti street photographer a livello internazionale, basato a Londra, ma ovviamente sempre in viaggio.

Una fotografia di Rui Caria durante la Xiaomi Master Class (courtesy of Xiaomi)

«La Xiaomi Master Class ha preso la giusta direzione con una semplice premessa, ovvero quella di voler documentare frammenti di vita, emozioni e momenti unici trasformandoli in immagini al fianco di fotografi e narratori di talento. Nel corso del tempo, dietro la camera dei nostri dispositivi Xiaomi, abbiamo vissuto momenti straordinari ed emozioni toccanti, che rappresentano proprio l’essenza di Xiaomi InSight», ha dichiarato Lei Jun, fondatore, presidente e CEO di Xiaomi. «Nella Xiaomi Master Class supportata da Leica di questa stagione miriamo ad attirare l’attenzione su ciò che non è sempre evidente a prima vista. Vedremo il mondo da una nuova prospettiva, sotto una nuova luce».

Poter accedere a così tante forme espressive diverse è stata anche la conferma che non esiste un unico stile, un’unica direzione. Ogni fotografo ha un punto di vista differente e usa il tempo e gli strumenti a sua disposizione in maniera diametralmente opposta. Come ha spiegato il documentarista del National Geographic Javier Corso per cui un progetto parte prima da un lungo studio, anche di sei mesi o un anno. Senza scattare nemmeno una fotografia. Solo dopo arriva una fase di convivenza con il soggetto, il luogo, il popolo che si vuole riprendere e documentare. 

«Dopo alcune settimane sono pronto a iniziare a scattare la prima fotografia. Con Xiaomi 14 è stato diverso. Tutto più immediato, ma anche nel lavoro che abbiamo fatto insieme alla chef stellata del ristorante La Salita, Begoña Rodrigo, non è mancata la ricerca della narrazione. Ogni portata del suo menù l’abbiamo raccontata attraverso la storia che celava. Dalla forgiatura del metallo di un coltello affilato alla tessitura di un costume tipico che riprendesse la forma della coroncina della Reina (trasformata poi da Begoña in una delicatissima tartare di pesce e fiori, ndr), fino all’intreccio ad arte di un cestino di vimini che poi nel piatto era leggero e delicato come un nido nuziale», conclude Javier.

Una fotografia di Emanuele Di Mare (Courtesy of Xiaomi)

In quest’era di social network e immediatezza, un lavoro documentaristico fatto con cura e pazienza, permettendo al fotografo di arrivare in profondità, non è certo comune. Come un buon vino, le storie hanno un gusto migliore quando dai loro tempo e cura, pare suggerire Javier. Di altra scuola il giovane talento italiano Emanuele Di Mare, che invece ama cogliere l’attimo senza quasi farsi notare.

«Quello che uno strumento come la camera di Xiaomi 14 così potente ti può dare è l’anonimato mentre si scatta. Nessuno si stupisce più se hai in mano uno smartphone e scatti delle foto, puoi diventare quasi invisibile e cogliere gesti e momenti irripetibili. Inoltre, con alcune funzioni che ti permettono di simulare uno zoom professionale, puoi anche catturare dei dettagli a metri di distanza, mantenendo una qualità alta del file raw, come con una vera fotocamera. A me, che piace scattare ritratti e street photography, Xiaomi 14 ha dato una immediatezza d’uso rara. Anche il setting automatico è un buon punto di partenza, non bisogna per forza impostare tutto manualmente per essere dei bravi fotografi. Quando devi cogliere uno sguardo in velocità è sempre meglio lasciare la camera in modalità “Pro” automatica», racconta. 

Una fotografia di Javier Corso (courtesy of Xiaomi)

Infine, commentando la collaborazione, Kay Plätke, strategy & business development manager mobile di Leica Camera AG, ha dichiarato: «Leica è rinomata per il suo impegno senza compromessi verso l’eccellenza nelle ottiche e nell’imaging. Unendo le forze con Xiaomi, siamo entusiasti di portare la nostra esperienza ad un pubblico ancora più ampio, ispirandolo a esplorare nuovi orizzonti e a scoprire la bellezza del mondo attraverso l’obiettivo di Xiaomi 14 Series». 

Non resta che mettere la piccola camera nella tasca a questo punto, perdersi tra le vie di Valencia e, insieme, cogliere una nuova prospettiva: «Vediamo il mondo sotto una nuova luce solo se cambiamo continuamente punto di vista», conclude Matt Stuart. E ora: have fun!

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter