Enrico Pedemonte

Genovese di origine e fisico di formazione. Comincia la carriera giornalistica al Secolo XIX, prosegue (per 25 anni) all’Espresso, come caposervizio Scienze, caporedattore, fondatore del sito web del settimanale e corrispondente da New York (sei anni). Poi a Repubblica (un anno) Nell'ultimo libro (“Morte e resurrezione dei giornali”, Garzanti) si occupa della crisi della carta stampata, delle anomalie del giornalisme italiano, delle vie di uscita possibili.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club