Il festival dei veleni
21 Gennaio Gen 2019 1532 21 gennaio 2019

Sanremo, altro giro altro guaio: ora nel mirino c’è la società che si occupa delle classifiche

Una nuova lettera a Salini e Foa: a occuparsi della gestione di classifiche e sondaggi è una società che ha gli stessi soci della IPR Marketing (nella bufera per il Festival 2012) con un capitale sociale di 10mila euro e zero dipendenti. Sicuri che ne valesse la pena, in un’edizione così tormentata?

Ariston_Linkiesta

Egregio dott. Salini, Amministratore Delegato della RAI, egregio dott. Foa, Presidente della RAI.

Mi ritrovo a scrivervi nuovamente nel giro di pochi giorni, sempre parlando del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, edizione 2019.

Ho appreso che a occuparsi della gestione delle classifiche e delle giurie in occasione del 69° Festival di Sanremo sarà la società Noto Sondaggi. Società nata poco più di un anno fa sulle ceneri della precedente IPR Marketing, stessi soci, Antonio Noto e Antonio Flamini.

Società che con un capitale di partenza pari a 10.400 euro si è inizialmente aggiudicata con le società di Piepoli e Masia l'opportunità di seguire le proiezioni delle ultime elezioni politiche.

Società con zero dipendenti, che oggi, in virtù di una richiesta d'offerta che si basava esclusivamente sul “prezzo minimo” e che prevede una contrattualizzazione dopo l'esecuzione del Festival, con data di inizio dei servizi previsti dal 14 gennaio al 10 febbraio, e scadenza di consegna dell'offerta prevista il 15 gennaio, si porta a casa questa che tecnicamente non è stata neanche una gara.

Ricordandovi che la precedente esperienza di IPR Marketing è passata alla storia per i fattacci avvenuti durante la conduzione di Gianni Morandi del 2012, con le centraline della società andate in tilt, i giurati invitati a votare su carta con conseguente rivolta e gara momentaneamente annullata, vi chiedo, sommessamente se non fosse il caso, in un anno già gravato da ombre sull'organizzazione, di indire una gara ad hoc, o quantomeno se non fosse il caso di mettere altre basi su cui muoversi per scegliere a chi affidare l'incarico.

Resto comunque sempre in attesa delle vostre risposte alle sette domande precedentemente poste,

Sempre vostro, Michele Monina

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook