Serena Cappelli

Non aprite quelle porte

Bergamasca, classe 1976, una vita divisa tra la città e la campagna. Nata troppo tardi per essere la protagonista di un romanzo di Jane Austen, si arrabatta con un po' di scienza, tanti libri, qualche viaggio e una massiccia dose di caffè americano. Non può fare a meno di Milano e dei suoi cortili.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook