Gente di DublinoLa battaglia per salvare la casa che ispirò James Joyce

L’edificio era stato scelto dallo scrittore per ambientare “I morti”, l’ultimo racconto della sua prima raccolta. Ora il comune vorrebbe trasformarlo in un ostello ma i fan e i letterati del mondo si oppongono in tutti i modi

FRAN CAFFREY / NEWSFILE / AFP

Per gli appassionati di letteratura è quasi un crimine. La casa delle vecchie zie di James Joyce, che lo scrittore irlandese aveva scelto come ambientazione de “I morti”, il racconto conclusivo di “Gente di Dublino”, rischia di essere trasformata in un albergo.

L’edificio al numero 15 di Usher’s Island era diventato negli anni una sorta di luogo di culto, insieme ad altri punti di riferimento del turismo letterario della città. Conservato negli anni, aveva mantenuto gli interni intatti – uguali a come li descriveva Joyce – offrendo ai visitatori e agli appassionati un supporto fisico a quello che, altrimenti, sarebbe solo un luogo letterario.

Usher’s Island 15, Dublino (Wikimedia Commons)

Adesso il comune ha autorizzato una serie di lavori di ristrutturazione che lo trasformeranno in un ostello della gioventù di 54 camere. Un affronto.

La questione va avanti da diverso tempo. Di fronte alle prime avvisaglie, nel 2019, alcuni scrittori di fama mondiale come Sally Rooney, Ian McEwan e Salman Rushdie, per fare alcuni nomi, avevano scritto una lettera aperta per difendere la casa e cercare di bloccare la vendita. Niente da fare: è intervenuto il ministro per i Beni Culturali, si sono mosse associazioni, enti, società. Nulla: l’immobile è stato venduto per 650mila euro e i lavori cominceranno tra poco.

Per i dublinesi e i letterati irlandesi è un duro colpo. Nel tempo, almeno dall’anno in cui James Joyce è morto, il 1941, molti degl edifici e dei palazzi immortalati nelle sue pagine sono stati abbattuti. Il caso più grave è quello della casa al numero 7 di Eccles Street, dove abitavano i coniugi Bloom (“Ulisse”). È stata demolita negli anni ’60 per fare spazio a una nuova ala del vicino ospedale (non una causa così malvagia, tutto sommato).

Con la perdita della casa di Usher’s Island, o peggio ancora: con la sua riqualificazione, si farà un danno ulteriore a una eredità, culturale e letteraria, in declino. Come fa notare il professore di letteratura inglese John McCourt su The Irish Times, «gli scrittori come Joyce sono per noi l’equivalente delle piramidi per l’Egitto o il Colosseo per Roma».

Forse esagera, ma la decisione potrebbe essere un danno a livello turistico, oltre che che tradire le radici dell’identità nazionale, cui gli irlandesi sono molto legati.

A difesa della decisione, tuttavia, va notato che l’edificio nonostante rivesta un grande valore simbolico, si trovi in pessime condizioni. Rischia di crollare e subire danni permanenti. La ditta che lo trasformerà in ostello si occuperà di rimetterlo in sesto.

Basterà per placare le polemiche?

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia