Un Paese di camerieriLa debolezza strutturale italiana si vede tutta nel crollo delle competenze

I dati sull’occupazione mostrano come in Italia siano aumentati gli impieghi in settori a bassa specializzazione, dove la precarietà è più alta e i rendimenti minori. A livello economico è un segno di debolezza del sistema, che fatica a reggere di fronte alle crisi

Mauro Scrobogna /LaPresse

Il mondo del lavoro cambia continuamente nel tempo, anche nei periodi di calma, cioè di crescita più o meno sostenuta. Le crisi poi possono certamente accelerare alcune tendenze già in atto, o portare a inversioni a U, ma spesso vengono influenzate dai movimenti sotterranei, poco visibili nel breve periodo, intervenuti negli anni precedenti.

È quanto è accaduto anche nel caso dell’Italia e dell’Europa. Dopo la Grande Recessione che ci ha colpito tra il 2009 e il 2013, è cominciata la trasformazione del lavoro. Il dato saliente è che ha separato ancora di più l’Italia dal resto d’Europa.

Qui, tra il 2011 (il pieno della crisi) e il 2019 (alla vigilia del Covid), il numero degli occupati è cresciuto del 3,7%. Ma è una media fatta di evoluzioni molto diverse.

Sono crollati gli artigiani e gli operai specializzati, diminuiti del 16,4%, nonché i dirigenti, scesi dell’11,3%. Il calo ha interessato gli agricoltori, – 6,5%, e anche gli addetti ai macchinari, cioè gli operai classici.

Al contrario sono aumentati moltissimo (il 17,7%) i professionisti, categoria vasta che comprende avvocati, insegnanti, medici, consulenti informatici, ma sono cresciuti allo stesso tempo anche i lavoratori nel commercio e quelli impiegati in professioni non qualificate, rispettivamente del 15,5% e del 14%

Dati Eurostat

In termini assoluti parliamo della perdita di circa 600mila artigiani e operai specializzati, avvenuta soprattutto tra 2011 e 2017, ma non recuperata con la ripresa successiva. Allo stesso tempo vediamo l’incremento di più di 750mila occupati nel commercio, nei servizi e nelle attività in cui è necessario personale non qualificato.

Il risultato è che alla vigilia del terribile 2020 i lavoratori non qualificati erano, in Italia come in Spagna, più del 10%: numero maggiore rispetto a Francia e Germania. Lo stesso vale per i commessi nei negozi, i camerieri, i ristoratori, mentre erano di meno i lavoratori impiegati in mansioni tecniche intermedie, comprese quelle in cui sono attivi anche professionisti. Si tratta dell’ingegneria, l’architettura, le professioni legali. Ma sono esclusi dirigenti e autonomi, come i titolari di uno studio d’avvocato.

Dati Eurostat

Il punto centrale è che per arrivare a questa diversa conformazione del mondo del lavoro i Paesi europei hanno seguito trend molto diversi. Il che dice molto dell’evoluzione economica dell’Europa e del declino italiano.

Basti notare che se nella Ue, in media, i lavoratori non qualificati sono aumentati solo del 2,2%, cioè meno della media complessiva del 6,7%, e in Germania sono cresciuti dello 0,1%, l’Italia è andata in completa controtendenza con un +14%. Lo stesso vale con gli occupati nel commercio: +15,5% in Italia e +0,4% in Germania, mentre totalizzano +5,8% nella Ue.

Gli agricoltori sono calati meno in Italia, -6,5%, rispetto all’Unione Europea, -17,6%. In più, in Germania e in Europa non si è registrato alcun crollo del numero degli artigiani e degli operai specializzati, cosa invece avvenuta nel nostro Paese. In Germania tra l’altro i tecnici sono cresciuti del 22,2%, e in Italia solo del 3,2%.

Dati Eurostat

Queste enormi differenze indicano che nel tempo l’economia italiana ha cercato di ovviare alla cronica bassa produttività e alla carenza di investimenti concentrandosi su settori con margini inferiori, in cui appunto non erano necessari grandi investimenti. Abbiamo perso così il treno della rivoluzione informatica e digitale, dove siamo più consumatori che produttori.

Anche negli ambiti in cui eravamo in prima fila, come la manifattura e l’industria del B2B, abbiamo arrancato. La crescita non è bastata ad aumentare il numero di lavoratori nel settore. Ma è soprattutto nei servizi avanzati, quelli che trainano ovunque l’economia del XXI secolo, che non siamo riusciti ad emergere.

Non a caso è quella produttività a essere largamente inferiore rispetto agli altri Paesi, più ancora più che quella nell’industria.

Tra le conseguenze si registra l’aumento di magazzinieri e corrieri, che ci portano l’ultimo tablet uscito, e non quello di informatici e ingegneri che progettano il sistema operativo del tablet stesso o i software che regolano la logistica della “gig-economy”.

Lamentarci poi dello strapotere e del successo di Amazon è poco produttivo se non capiamo che il problema è nostro. Non siamo riusciti ad eccellere nel settore digital ed informatico, non abbiamo incrementato posti di lavoro ad alto salario, i quali con la domanda che avrebbero generato avrebbero potuto ben compensare l’impatto dell’e-commerce nel sistema, cosa che del resto avviene nel resto d’Europa, dove pure Amazon prospera, e non provoca povertà e disoccupazione, anzi.

Cosa comporta essere un Paese con sempre più camerieri invece che operai specializzati? Dal punto di vista economico è chiaro: minori salari, meno consumi, crescita del Pil più bassa, come abbiamo visto.

Dal punto di vista anche sociale vuole dire una carriera più precaria, basata su competenze sostituibili, e attività e aziende più piccole e vulnerabili. Non a caso il livello del risparmio, che una volta vedeva l’Italia in cima alle classifiche mondiali, è diminuito negli anni, anche durante la ripresa. Soprattutto, comporta una maggiore fragilità di fronte alle crisi. Cosa che quella del 2020 mostra bene.

La diminuzione dell’occupazione tra 2019 e 2020 (tra i due secondi trimestri in particolare) è stata maggiore nel nostro Paese – del 3,6%, contro quella dell’1,9% in Francia e del 2,4% nella Ue – non solo perché i lavoratori del settore del commercio, per esempio, hanno subito una riduzione più importante che altrove ma perché in questo era occupata una porzione più grande di lavoratori che altrove.

Naturalmente è intervenuta la sfortuna: la crisi del 2020 ha colpito in modo molto più diseguale delle altre, sacrificando i settori a contatto con il pubblico.

Ma non è solo questo: c’entra anche il fatto che tali settori erano già meno solidi e con un numero superiore di lavoratori, e che tra i lavoratori stessi coloro che avevano una specializzazione da spendere anche in tempo di crisi erano meno che altrove.

Si tratta di una lezione da imparare per il futuro: le competenze non servono solo a far guadagnare di più coloro che le possiedono, ma a proteggere tutta un’economia dai rovesci della sorte.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastCompra il super magazine Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, può essere ordinato qui.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, a Greenkiesta, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Lo spediremo con posta tracciata (al costo di 5 euro per l’invio), ma si trova anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti d’Italia.

10 a copia