BiginoManca pochissimo, non fate i grinch

Gastronomika si veste a festa per questo mese che ci separa dalla festa più gustosa dell’anno, quella che determina il successo o l’insuccesso delle vendite del comparto e rende tutti più buoni, nel vero senso della parola

Il mondo dell’enogastronomia deve moltissimo al Natale. È in questo periodo che si fanno la maggior parte degli affari dell’anno, in questo settore. Quindi occuparsi delle feste non è solo un grande piacere personale, ma anche un modo per capire se quest’anno sarà all’altezza delle aspettative, se questo comparto performa come deve e se il trend positivo proseguirà con la volata finale, per un 2021 che si chiuda molto meglio di come è iniziato. Raccontare le feste, il Natale, e tutte le meraviglie di gusto che questo momento dell’anno porta con sé, significa prima di tutto fare il punto su uno dei settori trainanti della Nazione, e scoprire quali sono le tendenze e le speranze degli italiani, che se sono ottimisti mangiano, bevono, festeggiano e regalano. Vogliamo aiutarvi a farlo, nel miglior modo possibile. Per questo, da oggi in poi, Gastronomika si veste a festa e diventa un po’ più golosa e gustosa del solito. Stiamo lavorando a ricette, menu, classifiche, liste e suggerimenti, perché il vostro Natale sia sempre più buono.

Non prenotate il ristorante, non comprate regali, non scegliete panettoni prima di averci letti. Vi promettiamo di essere oggettivi, categorici, appassionati. E di offrirvi tutto quello che vi serve per le migliori feste del palato. Pronti a seguirci nell’impresa?

Ma prima, veniamo a noi, con tutte le notizie che abbiamo condiviso questa settimana, organizzate. Il resto lo trovate online.

ALLA CARTA 
Partiamo dai risi e risotti alla moda di Venezia: dai risi e bisi, piatto simbolo della Serenissima, alle preparazioni di pesce e di carne, abbiamo fatto un breve viaggio nella storia della cucina veneziana della tradizione. E con un salto spazio temporale siamo tornati negli anni Novanta, per ricordare com’erano le torte dei bambini dell’epoca (noi). C’è stata un’epoca in cui la tonalità prevalente era il color cioccolato, e la torta più ambita era a base di Mars. E sì, ci sono anche le ricette!

Se preferite andare sul sicuro ai fornelli, un giovane cuoco altoatesino ha deciso di fare da tramite tra consumatori e produttori creando delle box tematiche con all’interno tutto ciò di cui potremmo aver bisogno quando cuciniamo. Non possiamo esserne certi ma ci pare di non aver visto il Mars tra gli ingredienti.

PIATTO DEL GIORNO
Questa settimana abbiamo scoperto perché sono finite le pere in Emilia Romagna. Cambiamenti climatici e fitopatie hanno colpito le coltivazioni della regione e dei territori circostanti, provocando una perdita pari al 70% della produzione annuale. Ma abbiamo anche scoperto che il più grande impianto di vertical farming in Europa è a Cavenago Brianza, alle porte di Milano, e forse può aiutare anche le pere. Perché in questa azienda agricola del futuro, entra un seme ed esce un prodotto confezionato senza pesticidi, senza residui e prodotto risparmiando il 95% di acqua. Sono insalate, ma anche un esperimento di cibo che verrà.

MENU
Partiamo da Roma: per un buongiorno che sia degno di questo nome, ecco una personalissima lista che promette di riconciliarci con il resto del mondo, e anche il partito del “non faccio colazione” diventa una categoria destinata a cambiare idea. Provare per credere.

Siete a Milano e non avete voglia di prendere una Freccia? Ecco come potreste trovarvi da Marchesi, in pasticceria. Abbiamo fatto colazione con Diego Crosara e siccome qui moda e pasticceria viaggiano di pari passo, come nel fashion, anche in pasticceria ci sono trend che non passano mai di moda: è il caso del panettone della casa, un vero must servito agli ospiti durante tutto l’anno ma impreziosito dai prodotti di stagione.

Volete spingervi un po’ più in là? Nell’anno in cui nulla è più come prima, anche le vacanze si fanno in momenti strani. E la capitale della Grecia diventa una meta possibile anche in autunno, perché ad appassionarci non c’è più solo il mare, ma anche gastronomia e cocktail. Atene è una capitale vibrante dove nutrirsi di cultura e cibo strepitoso, l’avreste mai immaginato?

BENVENUTO NATALE
Ebbene sì. Ci siamo. Iniziamo con il più classico dei regali di Natale; il cesto natalizio, che naturalmente è diventato gourmet. Xmas box, cofanetti, ceste regalo: comunque vogliate chiamarli, i regali in forma di scatola  sono la nuova frontiera del dono gastronomico. E sono in mille versioni diverse, così da accontentare tutti gli amici e tutti i palati.

Siete più da un click e via? Ecco riuniti i regali di Natale da comprare online adesso, per non pensarci più.

Una volta si sarebbe detto “è il pensiero che conta”. Oggi le nostre dita possono essere veloci quanto la mente, e i regali prendere vita e forma con poche mosse. Il tempo di pensarli e diventano realtà, e con questi andate sul sicuro. Poi dite che non vi pensiamo.

E per iniziare a ragionare su un piatto del menu del 25, ecco una guida per scegliere con consapevolezza uno dei must della tavola delle feste, il caviale. Questo periodo dell’anno è il momento d’oro per le uova di storione, che diventano un bene di lusso accessibile. Sempre che sappiate quali scegliere.

PICCOLA PASTICCERIA
Vi salutiamo ricordandovi che lunedì pomeriggio saremo a Firenze per la 13a edizione della BTO week che avrà per tema “New Frictionless World”. Per fare il punto sul turismo enogastronomico e sul mondo del lavoro parlandone con chef e addetti ai lavori.

Noi torniamo a mettere in ordine panettoni e pandori, voi non fate l’albero senza di noi, che è ancora presto. Per scoprire tutto quello che succede a Gastronomika vi aspettiamo sul nostro profilo Instagram.

Buona cucina!

Questo articolo fa parte della newsletter che arriva ogni venerdì. Volete riceverla? Ci si iscrive qui