BollicineTutti i brindisi del mondo

Ogni Paese ha il suo piatto di Natale, ormai lo sappiamo. Ma sono anche tanti i Paesi che producono bollicine, da stappare per un cin cin internazionale. Qui ne abbiamo selezionate alcune, accanto ai più classici e immancabili italiani e francesi

Foto di Pavel Danilyuk su Pexels

Champagne o Franciacorta, certo, ma c’è anche il Prosecco, e tanti altri spumanti: quando si tratta di riempire e alzare i calici la tenzone è immediatamente tra Italia e Francia. E se invece scegliessimo di festeggiare con uno Chardonnay inglese, con un Riesling tedesco o con blanc de blancs australiano? Abbiamo raccontato le tavole di Natale di tanti Paesi diversi, anche molto lontani tra di loro, vogliamo provare a raccontare i brindisi e le bollicine di territori differenti, senza dimenticare i classici di casa nostra.

Inghilterra
Primo a produrre bollicine in Inghilterra, Nyetimber si propone con successo di tenere testa alle etichette più prestigiose, compresi gli champagne. Di colore oro pallido, con bolle delicate e fini, Classic Cuvée di Nyetimber sprigiona aromi tostati e speziati, sostenuti al palato con miele, mandorle, dolci e sapori di mela cotti. Molto fine ed elegante, sa combinare intensità, delicatezza e lunghezza sul finale. Provatelo con le ostriche o le capesante.

Germania
Il Riesling Brut Louis Guntrum raccoglie il meglio del microclima unico della Valle del Reno. Profumato di pesche bianche, pere e mele, con il suo sapore secco ed equilibrato, solo sfumato di dolcezza, è compagno ideale per i crostacei.

Il Riesling Trocken di Kloster Eberbach, spumante monovitigno da uve Riesling, è un mix di eleganza e mineralità. Si presenta nel bicchiere con un colore giallo chiaro e brillante, al naso rivale sentori di agrumi, mela verde e brioche.

Spagna
Comtats de Barcelona è la zona dove è concentrato più del 95 per cento della produzione di Cava. È qui, nel comune di Sant Sadurní d’Anoia, la “capitale di Cava”, che nasce Pétalos de Aresan Cava Organic Brut, spumante spagnolo biologico firmato Castillo de Aresan. Da provare con un tagliere di Jamon Iberico.

Il Cava Corpinnat Brut Nature Gran Reserva Finca Serral del Vell è il compagno ideale di tanti piatti della grande varietà che la Spagna offre tra le sue tradizioni natalizie. Con le ricche tablas de embutidos o con i classici a base di baccalà, è perfetto per un brindisi dal sapore iberico.

Sudafrica
Cap Classique Brut Neethlingshof è un blend di 70 per cento Chardonnay e 30 per cento Pinot Noir. Profuma di agrumi con un tocco di frutta tropicale e biscotto e si distingue per freschezza, vivacità e leggerezza.

Slovenia
Sobrio e insieme complesso, Furmint Brut di Stift Admont è una bollicina dal sapore mitteleuropeo. L’abbazia di Admont venne fondata dai Benedettini in Stiria nel 1071 e nel 1130 divenne proprietaria del Maso Jarenina, che si trova a cinque chilometri dal confine con l’Austria. Qui da allora venne praticata la viticoltura, e i monaci estesero la loro attività anche ad altre zone della Slovenia. A loro si deve anche la riscoperta del vitigno Furmint, chiamato Sipon in sloveno, qui presente da oltre mille anni e da cui nasce questo spumante.

Svezia
Solaris Brut Grand Prix di Skepparps Vingard è un metodo classico con una storia da raccontare. È la storia di “Fuffe” Bengt Åkesson che, dopo aver lavorato per tutta la vita come produttore di mele e sidro, nel 2011, considerando il cambiamento climatico globale, ha scommesso sul futuro viticolo della Svezia, piantando Solaris nel sud del Paese. Per brindare assaporando il tipico Smörgåsbord.

Australia
Cosa si beve in Australia, per un caldo Natale, tra grigliate in spiaggia e tuffi nell’Oceano? Un Blanc de Blancs elegante come Premier Brut di Idée Fixe Margaret River. Sempre in Western Australia Visit e sempre da Margaret River nasce anche Fermoy Vintage Brut Premier, metodo classico di grande carattere, ideale per accompagnare un elegante antipasto di ostriche e canapé.

Stati Uniti
Lo spumante americano viene dalla California. Sofia di Coppola Winery è una dedica del regista Francis Ford Coppola alla figlia, un vino fresco e divertente, come lei.

Francia
La Grande Dame, Cuvée de Prestige della Maison Veuve Clicquot, rappresenta l’esaltazione del Pinot Noir, principalmente dagli storici cru del suo terroir e presente nell’assemblaggio al novanta per cento. La Maison propone di abbinarlo con i sapori verdi della Garden Gastronomy, un progetto che, coinvolgendo i migliori chef, mira a mettere al centro la ricchezza di gusti, odori, colori e texture offerti dalla frutta, dalle erbe e dalla verdura, in piatti che si rivelano nelle proporzioni “invertite”. I vegetali sono protagonisti, la carne, il pesce o le uova vengono cucinati come contorni. Lo Champagne accompagna tutto.

Lo Champagne Expression Primer Cru è la prima cuvée della Maison Geoffroy, uno champagne (35 per cento Pinot Meunier, 35% per cento Pinot Noir e 30 per cento Chardonnay) che nasce dall’unione, in parti quasi uguali, dell’annata corrente (2019) alla “reserve perpetuelle” a partire dalla vendemmia 1970. Molto versatile negli abbinamenti, seduce per la componente fruttata, l’equilibrio e la sorprendente freschezza del finale.

Pinot Noir Ayc18 Champagne di Bollinger ha un’eleganza senza tempo che lo rende adatto ad accompagnare un menu elegante, che comprenda classici come l’anatra all’arancia, ma anche un’insolita crostata di mele cotogne e mandorle.

Il Crémant de Bourgogne – Brut Nature di Albert Sounit, distribuito in Italia da Ca’ di Rajo Group, nasce per il 65 per cento da uve Pinot Nero e per il 35 per cento da Chardonnay. È la scelta ideale con ostriche e piatti leggeri a base di pesce.

Origine Champagne Etienne Oudart nasce da vigne di oltre 45 anni, situate nell’area Coteaux Sud di Epernay, tutte della vendemmia 2015. La sosta sui lieviti è di sessanta mesi per dare vita a uno champagne generoso, rotondo e ben bilanciato, perfetto per un brindisi speciale o per accompagnare la cucina di mare.

Italia
Il Metodo Classico di Tenuta Fertuna, ottenuto da Sangiovese vinificato in bianco, nasce nel cuore della Maremma Toscana, nella valle tra Vetulonia e Giuncarico. E della Toscana ha il carattere. Profumatissimo, è lo spumante ideale per chi ricerca freschezza e gusto, ottimo come aperitivo o per accompagnare l’intero pasto.

Conte Vistarino Cépage VSQ Metodo Classico Brut, da uve 80 per cento Pinot Nero e 20 per cento Chardonnay, è il volto francese dell’Oltrepò: con i suoi riflessi luminosi e il suo perlage fine e abbondante, e con il suo profumo ampio e avvolgente, è ideale per aperitivi o per accompagnare a salmone affumicato, sushi e crostacei.

Sessanta mesi è il tempo di affinamento del nuovo Michei 823 Trento Doc Riserva di Hofstatter, prodotto con uve cento per cento Pinot Nero. Questo spumante metodo classico nasce infatti a Maso Michei, una tenuta di alta montagna, avvolta dalle piccole Dolomiti, nel Trentino meridionale, sopra alla cittadina di Ala, dove si pota con quaranta centimetri di neve e si lavora tutto l’anno lungo ripidi versanti di montagna.

Cuvée Lunae Brut Metodo Classico Millesimato nasce ai piedi della Alpi Apuane, sulle colline che guardano il Mar Ligure da uve Albarola e Vermentino. Ampio e fresco al naso, ricco e fresco al palato, è una scelta ideale sulle tavole delle feste.

Lo spumante Riserva Privata Marchesi Guerrieri Gonzaga è un Blanc de Blanc millesimato brut affinato sui lieviti per sessanta mesi, prodotto in Val di Cembra. Con la sua forte identità, è un inno alle montagne del Trentino. È perfetto per il brindisi, per accompagnare i piatti di pesce o gli antipasti delle feste.

Valdo Viviana Cartizze Valdobbiadene Superiore di Cartizze Docg Dry rappresenta la più alta espressione qualitativa del Valdobbiadene. La sua ricchezza di aromi e la sua amabilità lo rendono ideale per concludere il pranzo delle feste, semplicemente per brindare o anche per accompagnare i classici panettone e pandoro.