Farsi degli amiciItalia vs Francia

Nella settimana della proclamazione delle stelle Michelin, abbiamo ripercorso l’eterna diatriba tra vini italiani e d’Oltralpe. Spoiler: non c’è un vincitore. La nostra settimana gastronomica parte da qui

Foto Unsplash

PIATTO DEL GIORNO
Tra i piatti simbolo della cucina cinese, cinque indirizzi milanesi per tutte le tasche per gustare le anatre laccate alla pechinese anche senza averle prenotate prima. Ma ci abbiniamo un vino italiano o francese? Cogliamo l’occasione di una polemica che di tanto in tanto ritorna, per cercare di sfatare un po’ di falsi miti sui vini dei cugini d’Oltralpe.

CARTA DEI VINI
Se il vino spaventa, serve competenza per aiutare a comprenderlo: ci ha spiegato come si fa Filippo Carraretto – miglior enotecario d’Italia Under 30 – che racconta il business con gli occhi della Gen Z.

Di sicuro meglio conoscerlo sul territorio. Due guide senza pari ci accompagnano alla scoperta di un Piemonte nascosto e di nicchia, quello della zona sud-orientale dove tra i vigneti si sente già il profumo del mare. Perché le colline tortonesi sono femmine.

E se invece del vino ci facessimo una birra? Parliamo con le mani, siamo chiassosi, modaioli, ritardatari cronici: sono innumerevoli le etichette messe addosso agli italiani nel corso degli anni. Una ricerca prova a sfatare tutti i miti.

Ma il vino assume anche la forma del ricordo. Per Gérard Basset, scomparso prematuramente, l’amico Lewis Chester ha deciso di creare un evento di beneficenza legato al mondo del vino.

ALLA CARTA
Negli anni Ottanta erano i “ciupa ciupa”, semplificazione del loro vero nome, Chupa Chups. Ricordo dolcissimo per molte generazioni, queste caramelle con lo stecco hanno una storia che merita di essere conosciuta.

E quando si cresce, che cosa si mangia? Serve cibo buono per le giovani menti.

Dalla schiscetta ai locali di tendenza, dalla cucina della mamma alla ricerca di sapori etnici, l’universo gastronomico degli studenti è un mondo tutto da scoprire.

MENU
Un arrosto e pensi a lei… un hamburger e pensi a lei… un fritto di pesce e pensi sempre a lei… Non sei privo di fantasia, è lei che sta bene con tutto!

Ma cè anche qualcosa che non sta bene con tutto, ma che possiamo osare in abbinamenti arditi. Abbiamo studiato dieci combinazioni di sapori da accostare per un’improvvisazione di successo. Siete pronti ad accendere la vostra scintilla creativa?

FUORI CARTA
Un viaggio tra Monferrato e Langa astigiana alla scoperta di uno dei suoi principali allevamenti, quello del Bue Grasso di razza Piemontese.

Chiamato “Orientale” perché vicino alla porta omonima della città, il mercato genovese è stato inaugurato nel 1899 nell’antico chiostro, mai terminato, del convento annesso alla chiesa di Nostra Signora della Consolazione.

MIXING GLASS
La nostra sezione dedicata ai cocktail e agli spirits è sempre più ricca. E se dopo quattordici anni continuiamo a raccontare la storia del Connaught Bar di Londra un motivo c’è e ha un animo tutto italiano.

Siamo giunti al termine, e per questo fine settimana noi leggeremo Tredici storie italiane, il libro in cui l’essenza moderna dell’italianità è unita intorno al caffè, simbolo della riflessione, del tempo ritrovato e della pausa. E sempre perché è il fine settimana del caffè, ci vediamo sabato e domenica al Milano Coffee Festival.

Buona cucina!

Questa è la newsletter di Gastronomika. Per riceverla, puntuale ogni venerdì all’ora di pranzo, iscriviti qui.

Siamo sempre alla ricerca di nuovi spunti, suggerimenti e idee per capire meglio il mondo del cibo contemporaneo. E anche della nuova ricetta per il piatto più buono del mondo. Se ce l’hai, o vuoi aiutarci a fare un giornale migliore, puoi scriverci qui: gastronomika@linkiesta.it